A zonzo per il Sud America
Il nostro itinerario a grandi linee

A dir la verità non abbiamo programmato il nostro itinerario nei minimi dettagli visto che comunque una componente fondamentale di questi viaggi "zaino in spalla" é proprio la flessibilità e la possibilità di cambiare all'improvviso. Considerando però la vastità del continente sudamericano un po' di preparazione era d'obbligo! Man mano che leggavamo guide e pagine internet sui vari paesi che volevamo visitare abbiamo creato una specie di banca dati di punti di interesse (dall'inglese points of interest [POI]) con tanto di spilli infilzati in una cartina del Sud America appesa al muro per marcare città, parchi naturali, siti di volo e tutto quanto avremmo visto/fatto volentieri. Alla fine abbiamo fatto il classico gioco di "unisci i puntini" ed ecco qui quello che é saltato fuori:

Inizieramo in nostro viaggio da La Paz, Bolivia. Scegliere da dove iniziare non é stato facile, perché il clima e le condizioni meteorologiche del Sudamerica sono molto più complesse di quello che si crede. Pensare che "quando in Europa é inverno lì é estate e fa bello" é quanto meno semplicistico! La stagione delle piogge cade proprio nei mesi del nostro viaggio, con intensità diverse in funzione delle zone. Dunque lo scopo é iniziare il viaggio vicino alle zone da visitare assolutamente prima dell'inizio dei diluvi ;)

Da La Paz ci sposteremo subito a Rurrenabaque e da qui scopriremo l’Amazzonia boliviana visitando il parco nazionale Madidi. Rientrati a La Paz faremo una mini tappa al lago Titicaca per poi scendere verso Oruro et Potosi, visitare il « Salar de Uyuni » ed entrare in Cile. Il Cile é lungo, moooolto lungo...non sappiamo ancora quanto a sud ci spingeremo...l'obiettivo minimo é il parco naturale di Torres del Paine (51° parrallelo australe), ma sarebbe veramente fantastico raggiungere Ushuaia, la città più australe del mondo...ma laggiù fa freddo e potremmo non avere tempo a sufficienza per raggiungerla! In ogni caso la "risalita" si farà in territorio argentino, zig-zagando piano piano fino Buenos Aires. Sicuramente ci fermeremo qualche giorno sulle spiagge uruguaiane prima di dirigerci alle cascate dell'Iguazú. Vista la vicinanza col Paraguay una visita lampo sarà d'obbligo, giusto per avere un altro timbro sul passaporto! :P

Sempre da quella zona entreremo in Brasile, e qui la storia si complica...il Brasile é enorme...risalire la costa fino a Fortaleza sarebbe impossibile. Probabilmente arriveremo solo fino Rio, da cui effettueremo il volo "interno" più lungo del nostro viaggio. La destinazione non é ancora definita, dipenderà molto da quanto tempo ci rimarrà! Le possibilità sono Venezuela (improbabile, soprattutto consideranto l'attuale situazione politica interna...), Colombia (sarebbe bello e pare sia magnifica) e, nel peggiore dei casi, Ecuador. Il tutto sapendo che comunque lo scopo é tornare in Perù completando il giro in senso anti-orario, dunque arrivando in Venezuela si passerebbe da Colombia ed Ecuador prima di tornare a Lima.

Poi ci sono i Bonus, tipo le Galapagos, l'isola di Pasqua o Panama, destinazioni non proprio previste ma mai dire mai ;)

Fattibile? Troppo? Troppo poco? Utopico? Esagerato? Mah, come detto queste sono linee guida, difficile stimare dalla nostra vecchia cara Europa i tempi necessari a visitare e per spostarsi fra un Paese sudamericano e l'altro. Una volta sul posto definiremo meglio il nostro itinerario adattandolo il più possibile ai nostri desideri!

Quello che avremmo voluto fare

Clicca sulla carta per una visualizzazione a schermo intero

E quello che abbiamo fatto in realtà

Clicca qui per mostrare una cartina più grande.